Archivio Categoria: Contabilità pubblica

giu 21

Reati e crisi economica, vi racconto una storia…

  C’era una volta un immigrato regolare di nome Martin che viveva a Rapallo. Svolgeva la professione di cameriere in un noto ristorante della città ed ogni mese inviava metà del suo stipendio, che era di mille euro, alla propria famiglia in Africa. La famiglia di Martin era molto povera e si sosteneva proprio grazie …

Continua a leggere »

mag 01

Abbiamo un avversario peggiore della finanza internazionale: gli ignoranti.

L’ignoranza oggi ha un peso devastante nella nostra società. Una grande fetta della popolazione non è in grado di capire i concetti più banali in materia di moneta e contabilità pubblica, così finendo per collaborare attivamente alla diffusione delle menzogne dell’oligarchia dominante. In troppi credono che gli Stati possano fallire e che la moneta, evidentemente, …

Continua a leggere »

apr 12

La mia candidatura a Genova: ecco perché centro sinistra e centro destra vanno spazzati via.

A Genova la situazione è grave, anzi gravissima. Riscossa Italia non poteva scegliere comune più difficile dove presentarsi per la sua prima esperienza elettorale e ovviamente, il matto che si presenterà come Sindaco, non potevo che essere io. La nostra storia la conoscete, siamo un partito prevalentemente tecnico, un partito “costituzionalista”, che vuole ripristinare la …

Continua a leggere »

gen 17

Giocate a Monopoli ed il neoliberismo vi apparirà per ciò che è: un crimine!

In questi anni il mantra liberista ha impregnato la società. Ci hanno riempito di sciocchezze ed hanno persino cambiato molti dei testi di economia in uso, un manuale di fine anni novanta è molto diverso da quelli attuali. Si è fatto passare il neoliberismo come quell’ideologia che superò gli errori di Keynes. Ci hanno raccontato …

Continua a leggere »

gen 08

Aumentare la spesa pubblica è la sola ricetta per uscire dalla crisi.


- di Alessio Farinella e Marco Mori – Sentite sempre dire che è fondamentale alzare il PIL, far ripartire l’Italia. Il PIL misura il valore economico di tutte le attività produttive dei residenti di un Paese; si può dire che rappresenta il “reddito del Paese”. Il Prodotto Interno Lordo, però, non dice nulla di come …

Continua a leggere »

dic 26

Corruzione ed evasione c’entrano con la crisi? Si, come i cavoli a merenda!

Spesso si sente dire che si possono recuperare miliardi di euro dalla lotta all’evasione e da quella alla corruzione. Questo è un concetto semplicemente demenziale, che denota un’ignoranza assurda e francamente inaccettabile. Pensare che uno Stato possa recuperare denaro dalla lotta ai reati, è come pensare di moltiplicare magicamente pani e pesci. Ovviamente è impossibile. …

Continua a leggere »

dic 21

Il MS5 manda i difensori del pareggio in bilancio in Corte Costituzionale. È game over.

Sono rimasto sconcertato e gravemente amareggiato da quanto commesso dal movimento cinque stelle in merito all’elezione dei tre nuovi Giudici della Corte Costituzionale. Hanno firmato il Game over della democrazia. Sapete la stima che ho per la base e per molti parlamentari ed europarlamentari del movimento, la passione con cui aderisco ad ogni iniziativa organizzata …

Continua a leggere »

ago 28

Giulio Tremonti, la crisi? La causa è la moneta “privata” cattiva.

Le ragioni monetarie della crisi sono sempre più evidenti a chi ha saputo aprire gli occhi informandosi e studiando il contenuto dei trattati europei. Sappiamo che la BCE (la banca centrale europea) crea denaro dal nulla, ma non può fornirlo agli Stati. Crea e presta moneta, nelle quantità ed ai tassi da essa sovranamente determinati, unicamente in …

Continua a leggere »

ago 27

Euro-imbecilli? Non vi chiamo solo io così… lo fa anche Keynes…

Amo spesso appellare duramente i difensori dell’attuale sistema economico, d’altronde come si fa a non essere duri con chi appoggia un disegno criminale di distruzione democratica? Di solito suddivido gli “euristi” in due categorie: -gli imbecilli; -i collaborazionisti. Mentre gli imbecilli sono semplicemente cooptati dalle fandonie di regime e dunque sono e restano vittime del …

Continua a leggere »

ago 12

1981: due lettere ed il divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia è realtà. 

IMG_1814.JPG

La teoria della banca centrale indipendente in Italia ha trovato attuazione consuetudinaria ben prima di quella normativa avvenuta con il Trattato di Maastricht. Parlo di quello che comunemente viene chiamato il divorzio tra la Banca d’Italia ed il Ministero del Tesoro avvenuto nel 1981. Con il termine “divorzio” si menziona l’atto con cui Beniamino Andreatta, …

Continua a leggere »

Post precedenti «